Slide HOME STORIA LOCATION PALAZZO RAVASIO PALAZZINA RAVASIO UFFICIO VENDITE CONTATTI STORIA HOME LOCATION PALAZZO RAVASIO PALAZZINA RAVASIO UFFICIO VENDITE CONTATTI 045.9063578

Slide “Al numero 14 troviamo Palazzo Ravasio: grande palazzo a sei piani, con reminiscenze classicistiche.
È in stile monumentale, precede il razionalismo e il littorio.
Da segnalare il grande portale con timpano spezzato e le robuste pietre angolari.”

Slide

Slide Lungadige Campagnola prima della costruzione di Palazzo Ravasio.

Slide Lungadige Campagnola prima della costruzione di Palazzo Ravasio. Palazzo Ravasio miracolosamente risparmiato dai bombardamenti del 24 Aprile 1945.

Il 1° di aprile del 1924, l’ingegnere Giuseppe Ravasio fu Gio Batta, possidente di Ponti, in provincia di Bergamo, domiciliato a Verona in Via Bertoni 1, acquista da Faccioli Prof. Amleto, per 560.000 Lire, il fabbricato descritto come di “nuova costruzione” di vani 77 in Lungadige Campagnola.
La mancanza di esaustiva documentazione non ci permette di poter ricostruire la storia di questo edificio in modo certo. Data infatti per scontata la preesistenza di un fabbricato, risulta evidente come il Ravasio, dopo aver dimorato nella villa preesistente, decise nei primi anni trenta di demolirla e di erigere un palazzo con appartamenti signorili.
Palazzo Ravasio appartiene, nella sua versione odierna, a quella serie di edifici di notevoli dimensioni che cominciarono a popolare il lungadige fra Castelvecchio e Ponte Garibaldi durante il ventennio; l’apertura di Ponte della Vittoria nel 1929 segna l’inizio di ulteriore massiccia edificazione della Campagnola, che vedrà il prevalere del modello architettonico condominiale sulla villa Liberty uni o bifamiliare.
L’ansa descritta dal fiume Adige a monte della città di Verona, da Ponte di Castelvecchio a Ponte della Vittoria, era chiamata Campagnola, ansa sulla quale insiste oggi il cosiddetto Borgo Trento sviluppatosi dagli arbori del novecento sino ai giorni nostri, ricomprendendo il Lungadige Campagnola, affermatosi come l’area residenziale tra le più ambite della città sia in quanto ubicata nella parte più adiacente al centro storico, sia per la sua posizione panoramica, privilegiata, esposta a sud, in prima linea sul lungo Adige.
Sino ai primi anni del novecento, la Campagnola era un’area densa di stradicciole sterrate delimitate da siepi poste a protezione dei numerosissimi orti di cui era formata; quegli orti rifornivano quotidianamente di verdure di stagione il mercato di Piazza delle Erbe, e la loro fertilità era dovuta all’acqua prelevata in Adige a mezzo di ruote idrovore e di mulini gestiti da generazioni di ortolani, abitanti nei “casoni”, ovvero palafitte poste in Adige.
Lo stabile, inizialmente a cinque piani, è stato eretto in una seconda fase, nel 1954, a sei piani, sull’ultimo dei quali insiste una terrazza panoramica.
Per le sue reminiscenza e suggestioni classicistiche risulta un palazzo dello stile monumentale e magniloquente precedente il Razionalismo ed il Littorio.

Slide Nove componenti della Squadra di Calcio del Verona,
vincitrice del Campionato Italiano GUF (Gruppi Universitari Fascisti)
In alto a destra Franco Ravasio, in basso a destra Roberto Ravasio, figli di Bernardino detto Dino.

Slide

Slide

Slide

Slide palazzo ravasio logo Informazioni e vendite

Palazzo Ravasio
Lungadige Campagnola 14 - Verona
Tel. 045.9063578
info@palazzoravasio.it
Un’iniziativa